Test PSA e falsi positivi

Il test del livello di PSA di un uomo è il metodo più comune per valutare le proprie possibilità di avere il cancro alla prostata. Ricordo quando l’unico modo per controllare regolarmente il cancro alla prostata era la famigerata sonda rettale digitale. Ho sempre temuto il mio fisico annuale sapendo che prima o poi avrei dovuto abbassare i pantaloni e chinarmi e assumere la posizione. Lo scopo dell’esame è tastare la prostata per rilevare eventuali grumi o protuberanze che potrebbero indicare un possibile tumore. A dire il vero, neanche ai dottori importava molto. In effetti ho avuto un medico che mai nei molti anni in cui sono stato suo paziente ha eseguito la procedura. Vergogna a lui e vergogna a me per non aver insistito per l’esame.

Quindi, quando ho scoperto che era stato approvato un nuovo test che richiedeva un semplice esame del sangue, sono stato felice. Non avrei più dovuto “assumere la posizione”. Tuttavia, devo sottolineare che l’esame digitale è ancora utilizzato ed è un test praticabile che dovrebbe essere utilizzato insieme all’analisi del sangue del PSA.

C’è tuttavia un grosso problema con il test dei livelli di PSA e cioè i falsi positivi. I falsi positivi si verificano quando per una serie di motivi si ha un livello di PSA elevato, ma non il cancro. Ci sono diverse ragioni per un PSA elevato che non hanno nulla a che fare con il cancro. Alcuni medicinali come finasteride e dutasteride possono aumentare il PSA. Anche le infezioni urinarie possono causare un aumento del PSA. Anche laboratori diversi possono dare risultati diversi.

Il PSA è un’arma a doppio taglio da un lato può rilevare prove di cancro alla prostata, ma dall’altro un falso positivo può significare che un uomo potrebbe sottoporsi a una biopsia prostatica inutilmente. C’è anche molto dibattito sulla frequenza dei test, a quale età dovrebbero iniziare i test e quale sia un livello PSA accettabile al di sopra del quale una persona dovrebbe sottoporsi a ulteriori test.

Nel mio caso sono andato in una via di mezzo. Quando i risultati del mio test hanno mostrato un aumento del mio PSA sopra 4,0, dopo aver consultato il mio medico ho deciso di aspettare (vigile attesa) tre mesi e quindi fare un altro test del PSA. Purtroppo per me il mio PSA ha continuato a salire e ho fatto una biopsia che ha verificato la presenza di cancro.

La linea di fondo qui è essere a conoscenza di questi test e consultare il proprio medico. Poiché il cancro alla prostata è nella maggior parte dei casi un tipo di cancro a crescita lenta, non è necessario prendere decisioni immediatamente. Incoraggerei chiunque abbia un livello PSA superiore a 4.0 ad aspettare tre mesi ed essere testato di nuovo. Tuttavia, un PSA estremamente alto potrebbe indicare un cancro avanzato. È importante sottoporsi a controlli regolari e test del PSA per stabilire una linea di base per te e il tuo medico.